accesso all'area riservata

#VOUCHER INTERNAZIONALIZZAZIONE;FONDO PERDUTO DA € 10.000,00

VALORE DEL CONTRIBUTO
Per la prima Tranche : voucher a fondo perduto di € 10.000,00
L’impresa deve intervenire con un cofinanziamento di almeno Euro 3.000 (costo di almeno € 13.000)
Per la seconda Tranche: voucher a fondo perduto di €8.000,00
Per le imprese ammesse alla prima Tranche che intendono fare nuovamente ricorso all’agevolazione, devono intervenire con un cofinanziamento di almeno Euro 5.000


FINALITÀ
L’acquisizione di servizi  per nuovi sbocchi in mercati esteri ,incluso l’inserimento in azienda di un “temporary export manager” per almeno sei mesi (deve concludersi tassativamente entro il 30 settembre 2016).

incluso l’inserimento in azienda di un “temporary export manager” per almeno sei mesi (deve concludersi tassativamente entro il 30 settembre 2016).

SPESE AMMISSIBILI
L’azienda deve rivolgersi ad una Società fornitrice dei servizi scegliendola tra quelle inserite nell’ apposito elenco , che sarà pubblicato entro il giorno 1 settembre 2015. Di seguito si riporta, a titolo esemplificativo un elenco di attività ammissibili:
analisi delle potenzialità commerciali del soggetto proponente, effettuate con  specifico riferimento ad una o più linee di prodotto/servizio dell’impresa richiedente il Voucher e ad uno o più mercati esteri espressamente identificati;
individuazione di nuovi clienti/target di mercato all’estero e/o di potenziali partner stranieri, nonché alla definizione/sottoscrizione di accordi di collaborazione e/o di costituzione di joint venture in grado di facilitare l’ingresso/il consolidamento commerciale sui mercati esteri;
assistenza legale, organizzativa, contrattuale e fiscale, finalizzate alla realizzazione di programmi di sviluppo internazionale delle imprese beneficiarie ovvero alla valutazione e configurazione di assetti societari ed organizzativi funzionali alla promozione di reti/canali distributivi e commerciali in Paesi esteri, anche con riferimento alla definizione delle regole di governance relative alle partnership e/o joint venture da attivare con operatori locali, nonché all’analisi degli impatti fiscali correlati alle differenze di inquadramento tra la normativa nazionale e quella di riferimento.

PRESENTAZIONE
-Dalle ore 10.00 del 01/09/2015:Fase di Registrazione per acquisizione password
-Dalle ore 10.00 del 15/09/ 2015: Fase di compilazione della domanda
-Dalle ore 10.00 del 22/09/2015 alle ore 17.00 del 02 /10/2015:Fase di presentare istanze
Sarà possibile presentare una sola domanda per impresa. L’assegnazione dei Voucher avverrà secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande e nei limiti delle risorse disponibili.

BENEFICIARI
Micro, piccole e medie imprese (PMI) costituite in forma di società di capitali,
Anche in forma cooperativa, e le Reti di imprese tra PMI, che non superino i parametri di cui alla Raccomandazione n. 2003/361/CE della Commissione del 6 maggio 2003 (limite di: 250 dipendenti effettivi, 50 €/ML di fatturato o 43 €/ML di totale bilancio).
Fatturato minimo di 500mila euro in almeno uno degli esercizi dell’ultimo triennio.
Tale vincolo non sussiste nel caso di Start-up iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese, di cui art. 25 comma 8 L.179/2012).
Una quota delle disponibilità finanziarie è riservata alle PMI che hanno iniziato il percorso di internazionalizzazione partecipando ai “Roadshow per l’internazionalizzazione” organizzati dall’ICE-Agenzia e che hanno acquisito dall’ICE-Agenzia una valutazione di sufficiente potenzialità di internazionalizzazione, con data non anteriore ai 3 mesi precedenti il termine per la presentazione della domanda.
Nell’ambito della dotazione finanziaria è istituita una riserva, in misura pari al 3% delle risorse disponibili per ciascun bando, destinata alla concessione dei Voucher a beneficio dei soggetti che hanno i requisiti di accesso e hanno conseguito il “rating di legalità” e che pertanto rientrano nell’elenco di cui all’articolo 8 della delibera dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato n. 24075 del 14 novembre 2012.

SOCIETÀ FORNITRICI DI SERVIZI
Le società di capitali anche in forma cooperativa possono fare domanda per essere inserite nell’elenco dei soggetti fornitori dei servizi ai fini della agevolazione “Voucher Internazionalizzazione” dimostrando di:
avere esperienza nei processi di internazionalizzazione come risultante dalla realizzazione con buon esito, nell’ultimo triennio, di almeno 10 progetti di export management della durata minima di tre mesi ciascuno.in alternativa, disporre in qualità di soci, dipendenti o collaboratori, di almeno 5 figure professionali con 5 anni di esperienza maturata in materia di servizi a supporto dell’approccio commerciale verso mercati esteri e un buon livello di conoscenza della lingua inglese (C1 CEFR o equipollente). Tali esperienze curriculari devono essere asseverate da un’associazione di rappresentanza manageriale o un’associazione imprenditoriale rappresentativa ai sensi dell’art. 4 della Legge 11 novembre 2011 n. 180 (ovvero iscritta al CNEL o rappresentata in almeno 5 Camere di Commercio).
Termini per la presentazione delle domande da parte delle Società di servizi
Il termine ultimo per la presentazione della domanda è il giorno 20 luglio 2015.
La domanda dovrà essere firmata digitalmente dal legale rappresentante della società richiedente ed essere completa degli allegati richiesti.
Possono presentare domanda di inserimento in elenco anche società estere ,purché dispongano di una sede nel territorio italiano che risulti iscritta al Registro delle imprese della Camera di commercio territorialmente competente e in stato di attività, al momento della presentazione della domanda.

ESCLUSIONI
Sono escluse le imprese che:
hanno beneficiato di un importo complessivo di aiuti “de minimis” che, unitamente alla misura in questione, superi il massimale di cui all’articolo 3, paragrafo 2, del Regolamento UE n°1407/2013;
Imprese attive nei settori esclusi dall’articolo 1 del Regolamento UE n°1407/2013 del 18 dicembre 2013 e rispettare, in generale, le condizioni previste dal suddetto Regolamento
Hanno ricevuto altri contributi pubblici per le spese oggetto della concessione del Voucher
Sono in  stato di scioglimento o liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali, quali fallimento, liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo, amministrazione controllata o straordinaria;
Hanno realizzato un fatturato non inferiore a Euro 500.000 in almeno uno degli ultimi tre esercizi approvati. Nel caso di Reti di Imprese, avere – in via di cumulo tra gli operatori che compongono la Rete – un fatturato non inferiore a Euro 500.000 in almeno uno degli ultimi tre esercizi approvati. La soglia minima di fatturato non si applica alle start-up così come definite nell’articolo 25 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito con modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012 n. 221, che siano iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese di cui al comma 8 del suddetto articolo 25; g) non essere destinatarie di sanzioni interdittive ai sensi dell’articolo 9, comma 2, del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231.

CONCESSIONE ED EROGAZIONE DEL VOUCHER
L’erogazione del contributo, avverrà a saldo e in una unica soluzione, l’impresa beneficiaria dovrà presentare la documentazione necessaria alla rendicontazione della spesa
L’impresa beneficiaria dovrà presentare – tramite la procedura informatica – il contratto stipulato con la società scelta tra quelle presenti nell’elenco pubblicato nella sezione “Elenco Società di Servizi TEM” di questo sito

Clicca per dettagli VOUCHER INTERNAZIONALIZZAZIONE – FONDO PERDUTO – DA € 10.000,00 -

Contattaci per presentare la tua domanda! 

Il contenuto delle presente scheda  ha scopo puramente informativo, si  ricorda che fanno fede unicamente i bandi ufficiali e completi.