accesso all'area riservata

Modifiche Credito D’imposta Sui Canoni Di Locazione Immobili Ad Uso Non Abitativo

PREMESSA

Il Decreto Ristori ha previsto l’estensione del credito d’imposta sui canoni di locazione di immobili ad uso non abitativo (pari al 60% del canone) e di affitto d’azienda (pari al 30% del canone) alle imprese di cui all’Allegato 1 (sostituito dall’art.1 del DL 149/2020) con riferimento ai mesi di ottobre novembre e dicembre, indipendentemente dai ricavi o compensi registrati nel periodo d’imposta precedente ma a condizione che abbiano rinvenuto un calo del fatturato di almeno il 50%, con riferimento a ciascuno dei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2020 rispetto agli stessi mesi dell’’anno precedente.

ESTENSIONE CREDTO D’IMPOSTA

Con l’art. 4 del DL 149/2020 (Ristori bis)  viene prevista l’estensione del credito d’imposta sui canoni di locazione di immobili ad uso non abitativo (pari al 60% del canone) e di affitto d’azienda (pari al 30% del canone), alle imprese operanti nei settori riportati nell’Allegato 2 nonché alle imprese che svolgono le attività di agenzia di viaggio o tour operator (codici ATECO 79.1, 79.11 e 79.12) che abbiano la sede operativa nelle c.d. Regioni “rosse”, con riferimento a ciascuno dei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2020, indipendentemente dai ricavi o compensi registrati nel periodo d’imposta precedente ma a condizione che abbiano rinvenuto un calo del fatturato di almeno il 50%, con riferimento a ciascuno dei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2020 rispetto agli stessi mesi dell’’anno precedente.

Limiti comunitari

Le novità in materia di credito d’imposta per le locazioni previste dal DL 149/2020 sono soggette ai limiti comunitari del “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19”, di cui alla comunicazione della Commissione europea del 19.3.2020 e successive modifiche (art. 8 co. 6 del DL 149/2020).

20/11/2020